Buon compleanno Mami

Oggi è il compleanno della mia mamma.

Lo so Lo so Lo so che vi dico sempre che non mi interessano le date, che non mi interessano i regali e che non mi interessano gli auguri. Ma la mamma è sempre la mamma.

Mai nessuno dice alla mia mamma che io e mia sorella le somigliamo, dicono tutti che somigliamo al papà (nel mio caso credo sia dovuto ai baffi quando mi dimentico di prendere l’appuntamento dall’estetista). Io e mia sorella abbiamo lo stesso sorriso da foto della mia mamma. E io spacco pure le palle al mondo come le spacca la mia mamma. Ma come la mia mamma, se chi amo ha bisogno di me, mi faccio in quattro. E visti i 70 kg, da quattro non torno più una.

Questo è un traguardo importante per lei, io lo capisco perchè in questo 2017 entrerò negli Enti, lei invece varcherà (quasi) un’altra decade di Anta.

Io che sono sdolcinata e melensa solo con il mio gatto faccio fatica ad abbracciare e coccolare gli esseri umani, mamma compresa. Mamma che ogni volta che finisco di pranzare e devo tornare a casa mi saluta e mi sbaciucchia stringendomi forte come se stessi partendo per il fronte. Mi accompagna fin fuori dalla porta e stringendosi il pile natalizio sotto il collo coprendosi il mento con la cerniera, non rientra finchè la mia auto non sparisce dalla sua vista.

Ora che è da poco in pensione, poi, non so perchè, si sente inutile. Io le ripeto sempre che non lo è, che mi sta preparando un sacco di ricette nuove che mi faranno compagnia sui fianchi per la Summer 2017, ma niente.

Quando si impunta non la schiodi. Come la leggenda narra che chi estrarrà la spada nella roccia diventerà Re d’Inghilterra, così chi farà cambiare idea a mia madre avrà bollini della Coop a vita regalati dalla sottoscritta (che tanto l’unica raccolta che faccio è quella della cacca nella lettiera di Bacco).

Mami, per me, per la Giadys e per il papi non sei inutile e anche se hai una compilation di frasi mitiche tra cui:

  • non buttarlo, può sempre servire (la batte solo il programma “sepolti in casa”)
  • porta la giacca che fuori fa freddo (in qualsiasi stagione e luogo terrestre)
  • ho cucinato giusto due cose (si può sfamare un villaggio olimpico)

per noi non sei inutile, nè mai lo sarai.

Io una giacca ce l’ho sempre sui sedili dietro della macchina. E se mai avrò una figlia le comprerò giacche prima che mutande. Perchè forse col farci avere sempre una giacca tu vuoi tenerci caldo il cuore, che con tutte le brutte cose che succedono intorno ci mette un attimo a diventar di ghiaccio.

E per non farti sentir inutile io, Giada e papi ti porteremo in giro, ti troveremo corsi di giardinaggio, di ballo, di nuoto, di origami, di stare sul divano in 50 posizioni differenti, di come tenere la forchetta con gli alluci, proveremo a riempirti questa nuova vita come tu riempi la nostra.

Tanti auguri Cance. Da me, dalla Giadys e dal Papi.

E anche da Aki e Nala che ti smusano sempre.

E pure da Macchia e Raska che di sicuro da lassù lasciano il loro pelo sulle nuvole. E non c’è swiffer che funzioni.

Buon compleanno Mami.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...