Refugee Olympic Team – Yusra Mardini

Non esiste uno sport che non mi piaccia per nulla, esistono diversi sistemi che mi disgustano, ma quello dipende sempre dalle persone. O dai soldi che girano. Soldi che sono girati sempre e comunque da persone. Siamo tutti persone, ma tutti abbiamo la possibilità di scegliere che tipo di persone essere.

Lo sport vissuto nel modo giusto è disciplina, costanza, passione. Per me lo sport è poter mangiare di più dopo un’ora di piscina e sentirmi tonica dopo 4 km di camminata ciacolando con la Francy. Perchè sono una sportiva passiva. Che passa. Quando vedo gli atleti Veri, quelli che la giornata se la fanno in piscina o palestra, io resto ipnotizzata. Per questo adoro le Olimpiadi. Per questo mi fa schifo chi si dopa. Per questo ammiro chi lo pratica col cuore e non col portafoglio.

Durante ogni edizione ci sarà posto per le polemiche, in quella attuale “lo sfarzo visto dalle favelas”, ma per la prima volta nella storia, insieme alle squadre canoniche con le singole bandiere, hanno sfilato gli atleti della squadra olimpica dei rifugiati. Con la bandiera dai 5 cerchi. E io, sciocca sentimentale, mi sono commossa. I dieci atleti che ne fanno parte non rappresentano una nazione, ma milioni di persone provenienti da paesi diversi. Milioni.OLY-2016-RIO-OPENING-DELEGATION

Perchè mi son commossa? Perchè li vedi camminare e potrebbero essere tuoi amici, coi telefonini in mano a riprendere un momento che sarà ripreso da milioni di telecamere e verrà trasmesso decine di volte. Mica come me che faccio la foto nel piatto del Roadhouse. Yusra Mardini, ad esempio, ha l’età di mia sorella. Nel suo paese, però, c’era la guerra e quindi se n’è dovuta andare. Casa bombardata. La morte intorno. Questo per chiarire ai professoroni che dicono “se ne stiano a casa loro” il motivo per cui tanti se ne vanno.

download

Si è spostata da Damasco a Beirut, in Libano, poi a Istanbul e Smirne, in Turchia. Da qui è riuscita ad arrivare in Grecia a bordo di un’imbarcazione di fortuna con una ventina di persone. Il motore della barca è andato kaputt e lei con sua sorella e forse altre 2/3 persone si è tuffata in acqua per spingere l’imbarcazione per 3/4 ore suppergiù. 5 km. Spingendo a occhio e croce un migliaio di chili barchetta esclusa. Con le onde, la paura e la fatica. Ma con la voglia di vivere e di arrivare. Arrivare su una terra che (ti) accolga.

“I remember that without swimming I would never be alive maybe because of the story of this boat. It’s a positive memory for me.”

Poi a piedi attraversando Macedonia, Serbia e Ungheria, prima di raggiungere l’Austria e poi la Germania. Attraversare oltre 5 stati. E noi che al massimo attraversiamo 5 semafori. Comodi, in auto.

“I want everyone to think refugees are normal people who had their homelands and lost them not because they wanted to run away and be refugees, but because they have dreams in their lives and they had to go,”

Per questa olimpiade lei è la mia preferita. Innanzitutto perchè nuota. Non so non avere favoritismi per il mondo acquatico. E mica mi sto riferendo solo ai fisici scultorei di nuotatori e pallanuotisti.

Voglio che lei e gli altri 9 atleti della Refugee Olympic Team sappiano che non hanno una nazione soltanto che tifi per loro, ma hanno il mondo intero. Quel mondo che non cerca le ruspe e quel mondo che non alza i muri, ma come dice qualcuno “crea ponti”.

Yusra-Mardini-coach

Quando attraversi a nuoto un fiume reale, imprevedibile e infido, se riesci a raggiungere l’altra sponda sei una persona diversa rispetto a quella che è entrata in acqua.
(Joyce Carol Oates)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...