WIR – Novecento

“A me m’ha sempre colpito questa faccenda dei quadri. Stanno su per anni, poi senza che accada nulla, ma nulla dico, fran, giù, cadono. Stanno lì attaccati al chiodo, nessuno gli fa niente, ma loro a un certo punto, fran, cadono giù, come sassi. Nel silenzio più assoluto, con tutto immobile intorno, non una mosca che vola, e loro, fran. Non c’é una ragione. Perché proprio in quell’istante? Non si sa. Fran. “

novecento baricco

Di Baricco non avevo letto mai nulla che andasse oltre ad una frase da anima lacerata e sospesa. Giusto per capire il pathos.

Ammetto che l’idea di qualcuno che nasca, viva e muoia su una nave mi affascina. Poetico e placido, leggerlo vi trasporterà su quella nave, per ascoltare il pianista Novecento. Che sputtana con classe il solito arrogante di turno senza nemmeno far fatica e senza troppe moine.

Perchè così si fa. Con classe.

Non serve troppo rumore per farsi sentire. Nemmeno in mezzo all’oceano.

 

Consigliato:

  • a chi cerca la propria isola
  • a chi sa fare, senza ostentare
  • alle sirene

Sconsigliato:

  • a chi pensa che l’arte vada sempre messa sotto i riflettori
  • a chi ama il rumore
  • a chi soffre il mal di mare
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...